Close

Dopo lo scontro con i jersey in cemento, l’auto ha percorso ancora centinaia di metri

Attorno alle 22:30 del 18/07/2020 una chiamata selettiva allertava i VVF di Borgo per un servizio tecnico urgente in supporto ai Carabinieri. Dalle prime informazioni riferite dalla centrale 115, si era verificato un incidente stradale sulla SS 47 in direzione Padova, all’altezza del viadotto G. Toller.

Una pattuglia di Carabinieri aveva risposto alla chiamata raggiungendo in poco tempo il luogo dell’evento. Fortunatamente al loro arrivo il sinistro era meno grave di quanto ipotizzato, una sola vettura era coinvolta e l’unica occupante era scesa autonomamente dal veicolo illesa seppure scossa. A prima vista, l’utilitaria, dopo aver impattato sulle barriere in cemento spartitraffico, ha proseguito per alcune centinaia di metri prima di arrestare la sua corsa al termine di una curva.

Nonostante l’evento sia risultato di piccola entità la situazione rimaneva pericolosa in quanto la “gazzella” e l’auto in panne risultavano ferme, appena dopo una curva cieca, sulla corsia di marcia ancora aperta al traffico. La posizione infelice non permetteva agli altri utenti della strada di vedere in tempo il pericolo, così i militari hanno chiesto il supporto dei pompieri nell’attesa dell’intervento del carro attrezzi per liberare la strada.

Partiti dalla caserma di Via Gozzer con il furgone attrezzato per incidenti stradali, i Vigili si sono portati a monte dell’incidente posizionando il veicolo al termine del lungo rettilineo, prospiciente il distributore ENI, a scudo dei militari e degli altri veicoli fermi. I pompieri hanno quindi provveduto a mettere in sicurezza la strada installando la segnaletica temporanea, coni stradali e lampeggiatori portatili, chiudendo al transito quasi 500 m di strada e dirottando il traffico sulla sola corsia di sorpasso. Dato lo scarso traffico di quell’ora e la notte particolarmente buia sono state attivate tutte le luci presenti sul veicolo di soccorso compresa la colonna fari per cercare di illuminare la strada ed segnalare la presenza di personale sulla carreggiata. Nonostante le misure messe in campo per ben 2 volte degli automobilisti che non hanno prestato attenzione alle segnalazioni hanno invaso la corsia chiusa, travolgendo i coni stradali. Fortunatamente subito si sono accorti dell’errore e grazie all’ampia distanza tra la segnaletica divelta e l’area occupata dagli operatori, sono rientrati sulla corsia attiva, senza arrecare ulteriori danni.

Nel’arco di un ora il veicolo incidentato è stato rimosso permettendo di liberare la carreggiata ed ai soccorritori di far rientro nelle rispettive caserme. I carabinieri stanno svolgendo verifiche sulle cause che hanno provocato l’impatto.